Tag Archives: Sea

  • -

The M.A.R.E. project

Category:Blog Tags : 

by Rosario Sisto

The territory of Massa Lubrense boasts countless natural wonders. Among these, the aquatic environment that surround its banks is especially important and it is safeguarded by the Marine Protected Area Punta Campanella. The M.AR.E. project was indeed started by the Marine Area with the aim of protecting the aquatic ecosystem of these territories.

This project aims to engage a number of young volunteers from all over the world in activities designed not only to help safeguard the local aquatic ecosystems, but also to help spread the knowledge of aquatic wonders and how keep them safe.

For this article we had the opportunity to interview one of this year’s volunteers: Pedro Ribeiro.

Let’s start with an introduction: what’s your name? How old are you? What country are you from?

My name is Pedro Ribeiro, I’m 26 and Portuguese. I was born in a small town in the inland of Portugal and I studied biology, including marine biology, at the University of Aveiro.

Tell us: how did you decide to take part in the M.A.R.E. project?

After getting my master degree last year, I looked for a job in Portugal, but I wasn’t able to find anything that suited me.

One day I discovered the M.A.R.E. project on Facebook and decided to take part in it. Above all, I wish to bring the knowledge I have gained through the project with me to Portugal.

Moreover, during my university studies I was unable to take part in an Erasmus project, so this experience allowed me to “fill that void”, in a sense.

Specific studies or preparations are required to participate in the M.A.R.E. project?

Actually, of the 10 volunteers currently participating in the project only 7 are experts in marine biology, while the other 3 have studied completely different subjects.

Despite this, as much as it may not be strictly necessary to possess specific knowledge to become a volunteer, it is still important for at least a part of the group to have studied marine biology, so as to support the others in the more demanding activities.

What are the main activities carried out by you volunteers?

project M.A.R.E.

During the first month we attend an Italian language course to facilitate communication.

The actual activities start during the summer, often with the assistance of other organizations.

The main activities take place in the Bay of Ieranto with the goal of protecting the biodiversity of the area, meaning its hundreds of aquatic species, both plant and animal. When boats happen to enter the bay – where it is not allowed to cruise or dock if your boat is engine-powered – we approach them by canoe to explain to the people aboard the park regulations and its goals, and so we invite them to go elsewhere.

At the same time we put effort into teaching people the importance of protecting this ecosystem, and we often organize kayak guided tours and snorkeling. In this way people can personally immerse themselves in the aquatic wonders of the territory and get to know it better.

Volunteers are also involved in the protection of sea turtles: we follow their footprints in the sand along the beaches, searching for potential nests. Once we find one, we protect it to make sure that the eggs will be able to hatch safely. In the meantime, we take this opportunity to explain the details of the whole process to the people who are on the beach.

Are there any difficulties in protecting a foreign territory?

Personally not. Adapting to this cultural context was fairly easy for me since, in my experience, Italy and Portugal are not very different from a socio-cultural point of view.

How does collaboration between young people from different countries and cultures influence the activities?

M.A.R.E. project

Some of the M.A.R.E. project activities also aim to create strong bonds between us, in order to make us feel united despite our cultural differences.

Among the more interesting and memorable activities are the “cultural evenings”: each of us is given a whole evening during which we can tell the others about our country and our culture. The goal of these meetings is to make us all feel closer. We have organized many similar events: Spanish, Greek, Croatian, and many others.


For giving us so much of his time and so much information, we sincerely thank Pedro Ribeiro.

We hope to have aroused interest in those who have read this article. We invite you to visit the territories of the Punta Campanella Marine Protected Area, so that you can personally admire these wonders and fully understand the importance of safeguarding them!


  • -
Olive da olio Massa Lubrense

5 days in Massa Lubrense: every day a different adventure

Category:Blog,Travel Tags : 

di Angela della Ventura

Per chi ha bisogno di staccare dalla routine quotidiana, ma anche per coloro che cercano avventura e panorami mozzafiato, Massa Lubrense è il luogo ideale, grazie alle sue spiagge dall’acqua cristallina e i percorsi di trekking. Di seguito, un itinerario per trascorrere 5 giorni in questo piccolo angolo di paradiso e tranquillità.

Giorno 1: Massa centro e dintorni

5 giorni a Massa Lubrense - Giorno 1

Massa Lubrense centro

Arrivati a Massa Lubrense, il modo migliore per poter iniziare la vacanza è partire con l’esplorare il centro. Si parte da Largo Vescovado, piazza principale della città e sede del Municipio. Al suo estremo è possibile affacciarsi da Belvedere del Pennino, che offre una suggestiva vista panoramica su Ischia e Capri. A pochi metri da qui troviamo “Il Cerriglio”, ex palazzo De Martino e antica casa gentilizia, che presenta un caratteristico viale di pilastri in tufo e busti marmorei, in fondo al quale c’è un bellissimo ninfeo. Proseguendo per via Palma incontriamo “Il Quartiere”, ex collegio gesuita del 1600, e accanto ad esso “Il Torrione”, architettura militare di inizio XVII secolo.

Marina della Lobra

Dopo aver esplorato il centro della città, ci si può spostare a Marina della Lobra, antico borgo marinaro sovrastato dalla chiesa da cui prende il nome. È raggiungibile a piedi in 15 minuti, imboccando via Colombo. Il centro abitato è caratterizzato da case variopinte, ancora abitate perlopiù da pescatori, e si sviluppa intorno a una gradinata che porta fino al mare. In realtà non ci sono vere e proprie spiagge, ma è possibile bagnarsi dalla scogliera o usare il solarium di via Chiaia. Inoltre, sono presenti molti ristoranti e bar, con vista sul mare. Il porto è dominato da Torre Toledo, appartenente al gruppo delle torri di avvistamento saracene costruite dagli Aragonesi lungo la costa.

Monte San Costanzo

Altro luogo da visitare è Monte San Costanzo, la collina più alta di Massa Lubrense, raggiungibile facilmente dalla frazione di Termini. Le cime sono due:
– a sinistra è possibile ammirare la chiesetta di San Costanzo, chiusa quasi sempre, tranne che il 14 maggio quando viene portata in processione la statua del santo dalla piazza di Termini alla chiesetta per la Santa Messa.
– a destra, invece, è presente una stazione radio per il controllo del traffico aereo.
Tra le due cime vi è una pineta, ottima zona d’ombra per chi giunge a piedi e parcheggio per chi, invece, arriva in auto o moto. Il panorama è sublime, e comprende tutto il golfo di Napoli.

Marina del Cantone

Ancora, per le sue spiagge di ciottoli e l’acqua limpida, tappa fondamentale è Marina del Cantone. Qui è possibile godersi un bagno in tranquillità, sia in lidi privati che in spiagge libere. Sull’estremità orientale della spiaggia, da visitare è la chiesetta di S. Antonio da Padova, costruita nel 1646. Anche a Marina del Cantone ristoranti e bar non mancano e qui è possibile gustare i piatti tipici della cucina campana. Dalla spiaggia, percorrendo un sentiero panoramico di circa un chilometro, si arriva alla spiaggia di Recommone, un luogo paradisiaco.

Sant’Agata sui Due Golfi

Ultima sosta per il primo giorno di viaggio è la località di Sant’Agata sui Due Golfi, che prende il nome dalla sua posizione, tra il golfo di Napoli e quello di Salerno. La sua fama, come località turistica, è diffusa fin dall’Ottocento grazie soprattutto alla posizione panoramica, ma anche al clima mite e all’aria salubre. Da visitare qui è la chiesa di Santa Maria delle Grazie, costruita nel 1745, a croce latina e con un altare seicentesco. Oltre questo, custodisce la statua di Sant’Agata e molti dipinti del XVI secolo, anche recentemente restaurati. Altro edificio spettacolare è il Monastero del Deserto, il più panoramico della penisola sorrentina e costruito dai Carmelitani scalzi nel 1679.

Giorno 2: trekking lungo il sentiero di Athena

5 giorni a Massa Lubrense - Giorno 2

Un’attività perfetta per il territorio di Massa Lubrense è il trekking.
Il sentiero di Athena attraversa un’area di grande importanza storica: dall’aspetto selvaggio, offre panorami mozzafiato. Da piazza Croce, a Termini, si prende via Campanella e dopo 200 metri, al bivio, si prosegue a destra per via Minerva, mulattiera greco-romana. Attraversando il versante nord, la vegetazione si dirada e si intravede Capri, che appare così vicina, che sembra di poterla toccare. Proseguendo si iniziano a vedere la torre e il faro di Punta Campanella. Giunti a Punta Campanella si va avanti verso Monte San Costanzo, seguendo il segnavia bianco-rosso del C.A.I. (Club Alpino Italiano), che indica l’Alta Via dei Monti Lattari. Dopo aver attraversato il versante sud, la vista si apre sulla Baia di Ieranto e in seguito si giunge alla pineta di Monte San Costanzo.
Per tornare indietro c’è un sentiero breve, ma ripido e sconnesso, è quindi consigliabile ritornare per la strada principale.

Giorno 3: giornata in spiaggia e visita in agriturismo

5 giorni a Massa Lubrense - Giorno 3

Una giornata in spiaggia per rilassarsi è l’ideale dopo una passata ad avventurarsi per i sentieri. Abbiamo visto che una delle spiagge più belle è quella di Recommone, piccola e riservata, ma altrettanto magica e tranquilla. Da raggiungere a piedi o in barca, è situata tra Marina del Cantone e il fiordo di Crapolla ed è lunga 65 metri. Le sue acque sono limpide e la spiaggia è perlopiù formata da ciottoli chiari e piccoli. Questa piccola insenatura, a livello del mare, presenta cavità di cui la più grande è la Grotta di Recommone, anche chiamata “dei Pescatori”, perché anticamente offriva una zona d’ombra in cui poter ancorare.
Dopo la giornata in spiaggia è possibile cenare in uno degli agriturismi del luogo, con alcuni dei piatti tipici come gli spaghetti alla Nerano, i ravioli alla caprese e il pesce spada alla brace.

Giorno 4: giro in barca all’isola di Capri

5 giorni a Massa Lubrense - Giorno 4

Per rendere il soggiorno indimenticabile il consiglio è di trascorrere una giornata in barca. L’isola di Capri è protagonista nei panorami da Massa Lubrense ed è così vicina da poterci arrivare facilmente con un’escursione giornaliera.
Lungo la prima parte del percorso in barca è possibile apprezzare la costa della Penisola Sorrentina, interamente tutelata dall’Area Marina Protetta Punta Campanella. Prima di fermarsi al porto e sbarcare sull’isola di Capri, è d’obbligo fare un giro della sua costa: si potranno ammirare i famosi Faraglioni, le affascinanti grotte, le spiagge nascoste. Giunti al porto, la funicolare conduce direttamente alla Piazzetta, cuore dell’isola da cui partire in esplorazione.

Giorno 5: visita agli scavi archeologici di Pompei ed Ercolano

5 giorni a Massa Lubrense - Giorno 5

Per concludere l’itinerario di 5 giorni, è possibile fare una visita agli scavi archeologici di Pompei ed Ercolano, tra i loro edifici e ritrovamenti più rappresentativi. Partendo da Massa Lubrense, è possibile giungere a Pompei in auto, oppure con autobus e treno Circumvesuviana Sorrento-Napoli. Si consiglia di iniziare la visita al mattino presto, per evitare la calca e la calura. Ci sono diversi itinerari di diversa durata, dalle due fino alle sette ore. Dopo aver visitato Pompei, ci si può recare ad Ercolano, dove, oltre alle classiche visite degli scavi archeologici, è possibile visitare anche il MAV (Museo Archeologico Virtuale).

Questi sono soltanto alcuni dei luoghi da esplorare, ma perfetti per poter godere al meglio del nostro mare, della nostra terra e anche dei luoghi limitrofi. Se non dovessero bastare questi 5 giorni per visitare tutto ciò che è stato nominato, vi aspetteremo per una seconda visita, che sarà sempre unica e irripetibile.


  • -

Where to camp in Massa Lubrense

Category:Blog Tags : 

written by Serena Lobianco

Why choose to go camping in Massa Lubrense?

Camping is a form of alternative tourism that allows you to move freely among the desired destinations and is undoubtedly a solution for low-cost holidays.

Furthermore, it is possible to do it as you wish, that is alone, in the company of a partner or with friends. It is also to be considered as a convenient solution if you are traveling with your family, with children and with animals.

We often have the idea that campsites are ‘spartan spaces’ but this is not the case. In fact, the structures you can find in Massa Lubrense are well equipped and attentive to everyone’s needs.

Campeggiare a Massa Lubrense

For camping in Massa Lubrense, you can access three areas: Villaggio Nettuno, Villaggio Syrenuse and Villa Lubrense. These structures allow the stay of caravans and tents, and they accept pets.

  • Villaggio Nettuno is located in Marina del Cantone. That is a characteristic coastal village, whose gastronomic specialties are the renowned spaghetti alla Nerano. Villaggio Nettuno has a camping area for tents, caravans and campers. It is located in a shady area and has a private walkway to the beach.
  • Villaggio Syrenuse overlooks the beautiful Marina del Cantone beach and is less than 500 metres from Recommone beach. The two beaches have both received the ‘Blue Flag’. The village offers accommodation in bungalows surrounded by greenery and equipped with every comfort.
  • Villa Lubrense is located halfway between Massa Lubrense and Sorrento. It has independent bungalows, located among the olive and citrus trees of the garden. With a 10-minute walk you can reach Puolo beach from which you can admire a crystalline sea with Mount Vesuvius in the background.

The different camping options in Massa Lubrense allow you to choose the solution that best suits your needs and, most importantly, they are all ready to welcome you!


  • -

The panoramic points of Massa Lubrense

Category:Blog,Featured,Places,Travel Tags : 

written by Serena Lobianco

The Massa Lubrense’s territory can also be admired from above, that is from the top of the mountains and from the viewpoints. The landscape wonders are many and are scattered throughout the entire country. For this reason, we have selected a classification of 5 locations from which you can admire some of the panoramic points of Massa Lubrense.

  • Annunziata’s viewpoint
    In the picturesque setting of what was once the historic center of Massa Lubrense, there is the Belvedere of the small hamlet of Annunziata. The first step is to enter the village. Once you reach the Church of the Annunciation, you have to go down a short staircase to get to the lookout. At that point, the entire gulf of Naples immediately opens up to your view, from the island of Capri to Mount Vesuvius.
  • Termini’s lookout
    Among the panoramic points of Massa Lubrense, the viewpoint of Termini is a meeting point for lovers of the island of Capri. In fact, from the square of Termini you can enjoy the panorama of the crystal clear water interrupted by the evergreen island of Capri. The island seems so close that it almost seems to be able to touch it.
  • Monastero del Deserto 
    In Sant’Agata sui due golfi there is an exceptional panoramic point. In fact, along a pleasant walk along a tree-lined path you arrive at the Monastero del Deserto, on whose tower you can admire the unforgettable view of the gulfs of Naples and Salerno.
  • Monte San Costanzo
    You can reach the pinewood of Monte San Costanzo by car, or you have to take a path from Termini. Which is moderately tiring. However, this effort will be rewarded by the amazing view that the panorama reserves for us, once we arrive at the church of San Costanzo. Among the panoramic points of Massa Lubrense, this is certainly the most suggestive; because from here our gaze is not focused on a single direction but has a 360 ° view at its disposal.
  • Pennino
    The last panoramic point in our classification could only be the Pennino. From the top of the terrace, the observer can enjoy the view of the naturalistic spectacle offered by the Gulf of Naples and the island of Capri. In the twilight hours, the surrounding atmosphere is tinged with particular shades, which makes the experience romantic and evocative.
Pennino Massa centro

Once you have read the article, you just have to visit Massa Lubrense. By doing so, you will personally experience its panoramic spots and discover its many tourist destinations.


  • -

The coast of Massa Lubrense by kayak 

Category:Blog Tags : 

Di Serena Lobianco

Intervista a Luca Zuddas

Luca Zuddas è uno dei co-fondatori dell’azienda “Chasing Syrens” con la quale organizza tour per esplorare in sicurezza la costa di Massa Lubrense in kayak trasparenti.

  • Perché scegliere di fare un’escursione in kayak a Massa Lubrense?

Massa Lubrense attira molti turisti anche grazie alla bellezza delle sue coste. Per di più, quest’ultime sono comprese in un grande parco naturale, l’Area Marina Protetta Punta Campanella. La bellezza di esplorare il nostro mare sta nel poter ammirare le coste da vicino e il kayak consente di potersi accostare il più possibile ai luoghi di interesse.
Non per ultimo, guidare un kayak richiede uno sforzo al pari di un’attività fisica, un ulteriore punto a suo favore.

  • Cosa rende un’escursione in kayak lungo le coste diversa da una in barca?

Avendo lavorato con le barche per 20 anni e con le canoe da 6 anni, per quella che è la mia esperienza, ritengo che nel complesso sia tutto diverso. A partire dalla velocità, in quanto la barca consente di raggiungere una rapidità non paragonabile a quella del kayak. Ad ogni modo, la barca è più gettonata da coloro che come priorità scelgono il comfort. Mentre un’escursione in kayak è preferita da chi vuole anche fare sport. Inoltre, un’esperienza in kayak ci porta più a contatto con la natura ed è un approccio più eco-friendly nell’ottica del rispetto del mare. 

Massa Lubrense in kayak
  • A chi sono adatte le escursioni in kayak?

Decisamente a tutti. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che bisogna tenere in conto, come ad esempio la prestanza fisica. Sebbene non richieda uno sforzo fisico ad alta intensità, è sempre meglio che la persona che si accinge a guidare la canoa sia sana e senza particolari problemi di salute.

  • Ci sono dei requisiti per poterle fare? Attrezzatura necessaria?

Per iniziare, bisogna apprendere alcune nozioni base che non richiedono che un quarto d’ora per essere comprese. Per quanto riguarda l’attrezzatura, noi diamo in dotazione dei lifejacket che sono indispensabili per le escursioni in mare aperto. Inoltre, soprattutto fuori stagione, potrebbe essere necessario indossare delle giacche a vento per proteggersi.

Massa Lubrense in kayak
  • Ci sono percorsi di diverso grado di difficoltà? Esempi?

Ce ne sono diversi e dipendono soprattutto dall’itinerario prefissato, poiché non è necessario cimentarsi in itinerari lunghissimi per godersi una bella esperienza. Tutto sommato, questa è anche la bellezza di Massa Lubrense. Perché, ad esempio, da Marina del Cantone ci sono piccoli itinerari che richiedono 15 minuti e altri più impegnativi che ne richiedono 45, come il tour alla Baia di Ieranto. L’importante è che coloro che si approcciano a questa attività siano consapevoli dello sforzo fisico necessario, poiché il kayak è privo di motore!

  • Da quale età si può cominciare?

Il giro turistico in kayak non è precluso a nessuno, concesso che vi sia raggiunta l’età minima per poter dirigere da solo il kayak.
In ogni caso, consiglio l’affidamento di una canoa con posto singolo a coloro che hanno almeno 13/14 anni, ma anche in questo caso è importante che sappiano nuotare. In secondo luogo, per quanto riguarda una canoa doppia, bisogna sempre considerare quanta forza fisica ha il partner che condivide il kayak con il bambino. Nel caso del tour alla riserva naturale della Baia di Ieranto, per esempio, riteniamo necessario che si abbiano almeno 8 anni, poiché un tratto del percorso è in mare aperto.
In alternativa, nel pomeriggio, proponiamo un tour più breve all’interno della Baia di Marina del Cantone, in modo da accontentare le famiglie che hanno bambini più piccoli.

Massa Lubrense in kayak
  • Qual è stato il tuo momento più bello passato sul kayak e dove ti trovavi?

Uno dei momenti più emozionanti è stato al secondo anno dall’avvio della mia attività con i kayak. Mi trovavo di ritorno dalla Baia di Ieranto, nell’ultimo tratto di mare aperto, assieme a una turista con la quale condivisi la canoa. In quella circostanza, a una lontananza di circa 30 metri, avvistammo un delfino che poco dopo si allontanò. Di certo non è qualcosa che accade tutti i giorni e per questo ci sentimmo fortunati, allo stesso tempo però, allo stupore iniziale si aggiunse un po’ di timore perché le dimensioni del delfino eguagliano quelle dell’imbarcazione e se si fosse avvicinato avremmo potuto correre dei rischi!

Ricapitolando, una gita in kayak vi permetterà di immergervi totalmente nel paesaggio marino di Massa Lubrense, regalandovi un’esperienza a stretto contatto con i suoi elementi. Grazie a Luca Zuddas abbiamo scoperto che si tratta di un’attività accessibile a tutti e sicura grazie all’ ausilio di specifiche precauzioni. Sei pronto a cimentarti in questa avventura?


Luca Zuddas

Istruttore di kayak e co-fondatore di Chasing Syrens, propone escursioni in kayak trasparenti a Marina del Cantone.



Events Calendar

Events in February 2023

Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sunday
30 January 2023
31 January 2023
1 February 2023
2 February 2023
3 February 2023
4 February 2023
5 February 2023
6 February 2023
7 February 2023
8 February 2023
9 February 2023
10 February 2023
11 February 2023
12 February 2023
13 February 2023
14 February 2023
15 February 2023
16 February 2023
17 February 2023
18 February 2023
19 February 2023
20 February 2023
21 February 2023
22 February 2023
23 February 2023
24 February 2023
25 February 2023
26 February 2023
27 February 2023
28 February 2023
1 March 2023
2 March 2023
3 March 2023
4 March 2023
5 March 2023