Category Archives: Eventi a Massa Lubrense

Laboratorio di Arte Presepiale

Corso di modellazione di teste pastorali
a cura di Chiara Carnevale

Il corso si tiene per tre mesi da ottobre a dicembre, con 11 incontri a cadenza settimanale, della durata di tre ore, dalle 15:30 alle 18:30. Ogni allievo, a fine corso, potrà portare a casa il proprio pastore natalizio.

Il corso non prevede competenze in materia, è aperto a principianti e non c’è alcun limite di età. Il corso è aperto a tutte le persone che abbiano la voglia di fare un’attività creativa.

Ai partecipanti del corso verranno forniti tutti i materiali necessari per la realizzazione, compresa la cottura dei pezzi.

Ci si calerà in un’arte antica e ricca di tradizione.

Obiettivi del corso

  • Avvicinare gli allievi attraverso la pratica ad una delle più grandi tradizioni della nostra terra scoprendone figure e simbologie.
  • Attivare processi creativi attraverso il contatto e l’utilizzo della materia- argilla.
  • Dare agli allievi piccole nozioni di anatomia sia muscolare che ossea in modo da lavorare più consapevolmente riguardo alla zona trattata (testa).
  • Acquisire una buona conoscenza sui materiali e gli strumenti di lavoro.

Articolazione e fasi del corso

Prima fase

Nella prima fase si lavorerà con una scala maggiore rispetto alla grandezza standard delle teste pastorali per facilitare la comprensione dei vari passaggi di lavoro e poterne analizzare bene le parti e le finiture. In questa prima fase non ci sarà un modello di riferimento da osservare e riprodurre.

  • Primo approccio alla materia argilla
  • Impostare il soggetto in questione (testa- spalle- collo)
  • Come si modellano: naso, occhi, bocca
  • Lezione specifica sulle orecchie
  • Fase di finitura del primo modello


Seconda fase

Nella seconda fase si inizierà a lavorare con una scala minore cercando di rientrare nei parametri standard delle teste. In questa fase si lavorerà con un riferimento visivo, ogni allievo avrà il proprio personaggio da riprodurre in modo da verificare il rapporto tra bidimensionale (immagine con il soggetto da riprodurre) e quello a tutto tondo- tridimensionale.

  • Impostare il modello
  • Lavoro sulla fisionomia e somiglianza. Scoprire come la modellazione esalta le espressioni e i caratteri del volto del personaggio che si sta realizzando.
  • Lavorare nel dettaglio.

L’intento che sta alla base di questa attività laboratoriale è stimolare i processi creativi attraverso la materia primordiale per eccellenza – la Terra-Argilla – e restituire un contatto tra tradizione e arte artigiana.
L’arte presepiale napoletana si è mantenuta tutt’oggi inalterata per secoli, divenendo parte delle tradizioni natalizie. Numerose botteghe ancora oggi nel territorio partenopeo continuano a tramandare quest’arte artigiana.

Chiara Carnevale

Artista napoletana, classe ’91. Nel 2016 si laurea all’Accademia di Belle Arti di Napoli, in scenografia teatrale. Lavora in ambito teatrale come scenografa, scenotectica, performer e musicista. La sua espressione artistica trova voce anche nel campo della pittura e della scultura. Dall’ottobre 2018 tiene, presso associazioni e istituti scolastici, laboratori di ceramica, concentrandosi in particolar modo sulla modellazione di teste e l’anatomia del volto umano.

INFO E ISCRIZIONI

Pro Loco Massa Lubrense
Orario di apertura 9:30 – 13:00 (tutti i giorni)
Tel.: +39 081 5339021
Viale Filangieri 11, 80061 Massa Lubrense, Napoli
info@massalubrenseturismo.it

Costo: €20 a persona per ciascuna lezione

Iscrizioni entro il 30 settembre 2019.




Festa per i 90 anni del professor Luigi Sigismondi

Domenica 8 settembre – alle ore 17,00 – presso il salone della Pro Loco Massa Lubrense in Viale Filangieri, sarà presentato il libro di Luigi Sigismondi Controversi – Silloge curata da Domenico Palumbo.

Il libro verrà distribuito gratuitamente a tutti i partecipanti. Nell’occasione, oltre alle autorità, sarà presente Rosario di Nota che declamerà alcuni versi tratti dal volume.

Alle ore 20,00 – al termine della presentazione e a conclusione della Santa Messa celebrata nella Cappella di S. Maria del Campo in occasione della festa della Natività della Beata Vergine Maria – i partecipanti e l’intera Cittadinanza sono invitati presso il piazzale di Campo degli Aragonesi. Qui, sulle note del Maestro Luigi Belati, la cantante Francesca Maresca intonerà l’Inno a Massa scritto dal “Professore” e si procederà al taglio della torta e al brindisi augurale al nostro festeggiato.

Nell’eventualità di condizioni meteo avverse, il brindisi augurale con il taglio della torta avverrà nella Sala delle Sirene in Piazza Vescovado.



Stipulata la convenzione tra Pro Loco Massa Lubrense e Università L’Orientale

Quest’estate, a supporto delle molteplici iniziative e attività della Pro loco Massa Lubrense, scende in campo anche l’Università “L’Orientale” di Napoli, con la quale è stata attivata una convenzione di tirocinio formativo.

Due studentesse universitarie cominceranno a inizio agosto il loro periodo di tirocinio nei locali di Viale Filangieri. Tutor della convenzione è Amalia Guarracino che, grazie alla sua indiscussa esperienza e professionalità, saprà tirar fuori il meglio dalle nuove ragazze.

“Ho avuto modo di parlare nei giorni scorsi con Agata e Francesca, – dice la Presidente Pappalardo – le due ragazze che ci daranno una mano a partire dal mese di agosto. Nei giorni della Limoni in festa ho chiesto la loro disponibilità presso lo stand per le iniziative benefiche. Sono veramente entusiasta sia perché sono due ragazze sveglie e preparate, sia perché questa occasione sarà proficua per noi che avremo la possibilità di interagire con ragazze che parlano, tra l’altro, russo e arabo.”

Gli studenti dell’Orientale che sono interessati a svolgere il tirocinio presso la Pro Loco Massa Lubrense possono mettersi in contatto con l’Associazione per concordare il progetto formativo.


Limoni in Festa 2019 – Ringraziamenti

Si sono appena “spenti i riflettori” sulla 45a edizione della Limoni in festa, l’evento clou dell’estate lubrense, ed è il momento di tracciare i bilanci e di fare gli opportuni ringraziamenti.

Nel 1974, con Delibera di Giunta n. 199, l’amministrazione comunale guidata da Pasquale Persico approvò all’ unanimità, sotto la spinta del Comm. Bruno Fusco, l’organizzazione di “una manifestazione agro-turistica, ai fini di rilanciare l’economia locale”. E per fare ciò chiese aiuto, in primis, al sodalizio della Pro Loco Massa Lubrense. Sodalizio che continua tutt’ora, e che, di anno in anno, consente alla manifestazione di rinnovarsi, pur mantenendo lo stesso spirito.

Quest’ anno, grazie a una forte sinergia con la Coldiretti, si è potuto realizzare un tipico pergolato che ha incorniciato la casa comunale. La sezione Coldiretti Napoli ha anche presenziato con Mercato Terra e ha donato, nell’ambito delle iniziative legate alla protesta sulle importazioni selvagge, le pesche che sono state introdotte nel percorso degustativo.

Inoltre, commercianti e produttori di limoni hanno regalato diversi cassettini del “frutto giallo”, confluiti nel progetto “Giallo come il sole, radioso come il sorriso di un bambino”. All’interno di questo stand, sotto libero contributo, si ha avuto la possibilità di acquistare un sacchetto di limoni. L’incasso (621 euro) andrà totalmente devoluto all’Ospedale Santobono Pausilipon.

Infine, ad abbellire la strada che dal centro cittadino scende al quartiere Villarca, le foto dei limoni custoditi nel fondo del Gesù, a opera del fotografo massese Roberto Russo.

Fotografia di Roberto Russo – Camera Service

Ma perché un evento del genere risulti una tre giorni da ricordare, c’è bisogno che un’intera équipe di persone lavori a ritmo serrato. I primi ringraziamenti vanno a Lorenzo Fiorentino e a Michele Romano della Sorrento Agri, per la costruzione a regola d’arte dell’intero percorso in pali di castagno. A Luciano Cheruseo per le luci e ad Andrea D’Urzo per il supporto. Ringraziamo infine il parroco Don Gennaro Boiano che ogni anno ci supporta logisticamente.


Passeggiate d’Estate 2019

APERILOCO 2019 – PASSEGGIATE D’ESTATE A MASSA LUBRENSE

Dal 6 luglio tornano le passeggiate estive serali con aperitivo organizzate dalla Pro Loco Masa Lubrense

INFO E PRENOTAZIONI:
Pro Loco Massa Lubrense

081 5339021 (9:30-13:00 e 17:00-20:00)

Si consiglia un abbigliamento idoneo e scarpe antisdrucciolo. Partecipazione sotto la propria responsabilità. Prenotazione obbligatoria



Limoni in Festa 2019 Locandina sagra limone massa lubrense

Passeggiate di Primavera 2019

Il programma delle Passeggiate di Primavera 2019, con due itinerari locali e due gite fuori porta.

INFO E PRENOTAZIONI

Pro Loco Massa Lubrense

081 5339021 (tutti i giorni 9:30-13:00) 3398321201 (anche WhatsApp)

Si consiglia un abbigliamento idoneo e scarpe antisdrucciolo. Partecipazione sotto la propria responsabilità. Prenotazione obbligatoria.


Domenica 19 maggio 2019
Monte di Procida
Partenza: ore 8:30 da Pro Loco Massa Lubrense Rientro: ore 18:00
Itinerario: Piscina Mirabilis – Necropoli di Cappella – Belvedere – Marina di Acquamorta – Torrefumo
Pranzo: Belvedere Monte di Procida (facoltativo)

Contributo €25 per trasporto. Prenotazioni entro il 17 maggio, ore 13.

Viaggio in Paradiso: dall’alba al tramonto è il gemellaggio stretto tra il Comune di Massa Lubrense e il Comune di Monte di Procida, le estremità di quello scrigno di bellezza che è il Golfo di Napoli.

Con partenza in autobus da Massa Lubrense, domenica 19 maggio 2019, andiamo alla scoperta degli affascinanti luoghi archeologici e paesaggistici di Monte di Procida, sotto la guida sapiente e appassionata di. Antonio Gerardo Mancino, che ringraziamo sentitamente per la disponibilità.

L’itinerario prevede la partenza dalla Villa Comunale di Bacoli, diretti verso la Piscina Mirabilis, una grandiosa cisterna costruita in età augustea a Miseno. Un percorso pedonale che costeggia il Lago Miseno e poi Via Cappella, conducono alla Necropoli Romana e al Borgo di Cappella. Da qui, un sentiero ci porta al belvedere di Monte di Procida, dove è prevista una sosta pranzo per assaggiare la tipica “cistecca”. Si riprende quindi il cammino verso la Marina di Acquamorta, con breve sosta caffè, e la Falesia di Torrefumo.

Domenica 26 maggio 2019 – RINVIATA AL 2 GIUGNO
Baia di Ieranto
Partenza: ore 9:30 dalla Piazzetta di Nerano Rientro: ore 15:00
Itinerario: Nerano – Torre di Montalto – Baia di Ieranto – Nerano
Pranzo: a sacco

Contributo €5 Visita Guidata FAI (facoltativo)

Domenica 9 giugno 2019
Da Massa a Sorrento
Partenza: ore 9:30 dalla Pro Loco Massa Lubrense Rientro: ore 15:00
Itinerario: Massa > Sorrento > San Francesco > Massa
Pranzo: Ristorante Da Antonina, San Francesco

Contributo €10 per pranzo (facoltativo)

Domenica 16 giugno 2019
Il Sentiero di Mario
Partenza: EAV Bus ore 9:00 da Massa centro, ore 10:00 dalla stazione di Vico Equense
Rientro: ore 15:00
Itinerario: Vico > S. Maria del Toro > Sperlonga > San Salvatore > San Francesco > Vico
Pranzo: Oasi di Mario, San Salvatore

Contributo €10 per ingresso oasi e panino


La professione di guida escursionistica | Incontro ed escursioni

Un incontro introduttivo sul tema dell’escursionismo guidato e 4 percorsi creati, ideati e coordinati da guide escursionistiche esperte, in collaborazione con giovani guide del territorio.

Si inizia sabato 16 marzo alle ore 17 nella sede della Pro Loco Massa Lubrense, con il primo appuntamento in cui interverranno guide che lavorano sull’intero territorio peninsulare, che spiegheranno in che modo si può tradurre una passione in professione.

“È proprio dalle passioni che dobbiamo partire per creare nuove opportunità di lavoro – dichiara soddisfatto il delegato alle Politiche Giovanili Marco Mosca – sfruttando le bellezze naturalistiche del territorio e la creatività e voglia di fare dei nostri giovani.”

Lo scorso anno il corso Aigae svoltosi nei territori di Amalfi e Massa Lubrense ha registrato la partecipazione di 5 ragazzi di Massa Lubrense che oggi, dopo un percorso di formazione, sono titolati Aigae. L’ AIGAE – Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche è l’Associazione di categoria nazionale che rappresenta chi per professione accompagna le persone in natura, illustrando loro le caratteristiche ambientali e culturali dell’area visitata.

“Ci è sembrato giusto dare l’opportunità a questi ragazzi, – continuano congiuntamente il consigliere Marco Mosca e il Sindaco Lorenzo Balducelli – che hanno investito su loro stessi in formazione, di mettere in pratica quanto imparato secondo un percorso mirato atto a perseguire nuovi sbocchi occupazionali. Il nostro ringraziamento va alla Pro Loco Massa Lubrense, e in particolare alla preziosa Romina Amitrano che ha proficuamente seguito il progetto, e che siamo sicuri riuscirà a trasmettere la sua passione per il trekking a tutti i ragazzi che interverranno”.

INCONTRO INTRODUTTIVO SULLA PROFESSIONE DI GUIDA ESCURSIONISTICA

SABATO 16 MARZO 2019  ore 17.00/20.00

INTERVERRANO:

  • GASPARE ADINOLFI: guida naturalistica e ambientale

Parlerà sul tema: “Elementi per una storia dell’escursionismo guidato in Penisola Sorrentina (secc. XVI-XX)”

  • ELISABETH STEIDL: guida escursionistica naturalistica.
  • LUIGI ESPOSITO:  guida escursionistica. Esperto in primo soccorso in escursione

ESCURSIONI

  • SABATO 30/3/19

Escursione ideata e guidata da Luigi Esposito

“Il giro di Santa Croce” – appuntamento ore 14.30 Piazza Santa Croce a Termini

Percorso ad anello: Termini – Vuallariello – Pezzalonga – San Costanzo – Termini

  • SABATO 6/4/19

“Crapolla” – appuntamento ore 14.30 in piazza S. Tommaso Apostolo a Torca, fraz. di Massa Lubrense.

Tema: “Il territorio di Crapolla in Massa Lubrense  come Sito di Interesse Comunitario: osservazione sulle peculiarità ambientali e sulle emergenze naturalistiche”.

Percorso ad anello con passaggio al Monte di Torca.

  • SABATO 27/4/19

Escursione ideata e guidata da Luigi Esposito

“Capri”  – Partenza ore 10 dal porto di Marina della Lobra (con imbarcazione coop. Marina Lobra) – Colazione a sacco.

Percorso ad anello: Porto di Capri – Via San Francesco – Monte Tuoro – Piazzetta delle Noci – Piazzetta – Porto di Capri

  • DATA DA STABILIRE

“Crapolla in Vico Equense” – appuntamento ore 14.30 in piazza Stazione a VIco Equense.

Percorso ad anello con passaggio alla Sperlonga


In Castello – Itinerari Culturali in Campania

Castello Aragonese dell’Annunziata – Massa Lubrense

Sabato 9 marzo 2019. Appuntamento alle ore 10 nella piazza di Santa Maria Annunziata

Direttori di escursione:

ONC Graziana Santamaria Tel 335 5421455 con

Presidente del Comitato Scientifico Regionale CAI dott.ssa Vilma Tarantino

TEMPI e PERCORSO ESPERIENZIALE : circa 2 ore ( +3 le soste esperienziali e “lettura energetica della chiesa, del castello e delle torri); potremo comprendere, verificando attraverso test kinesiologici, come gli insediamenti difensivi fossero posizionati esattamente su vettori di Sud Ovest e quale sia il notevole aiuto delle energie cosmo telluriche e del riconoscimento (ed “utilizzo) dei vettori geodinamici ubiquitari

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO: Scarponcini da montagna, abbigliamento escursionistico “a strati”, bastoncini telescopici, pranzo a sacco e acqua;

DIFFICOLTA’: T

Saranno presenti la Presidente della Pro Loco e i rappresentanti del Comune di Massa Lubrense, che ci offriranno un aperitivo.  Per l’occasione il Castello verrà aperto dalle 9,40 alle 13.

Situata nella zona collinare di Massa Lubrense, la frazione dell’Annunziata è la più ricca di memorie storiche: è qui che i Normanni fondarono il primo insediamento della città di Massa.

Un tempo centro storico di Massa, la frazione dell’Annunziata è oggi uno dei borghi più caratteristici del comune: un pugno di case, dai tipici tetti a volta, a circa 200 metri sul livello del mare, arroccate tra il Castello Aragonese e l’antica Cattedrale. Un intrigo di vicoli e scalinate mette in comunicazione tra loro le antiche abitazioni del borgo, quasi tutte realizzate tra i secoli XIV e XVI.

Distrutta dagli Angioini, e ancora dagli Aragonesi, l’Annunziata fu parzialmente riedificata nel Cinquecento. Anche le mura furono rifatte dopo la catastrofe del 1558: ancora oggi si può ammirare parte dell’antica cinta muraria che sorgeva attorno al Castello Aragonese. Nel luogo dove era il castello, sulla sommità della collina, fu poi eretta una torre cilindrica di difesa. Recentemente, in seguito ad alcuni lavori di ristrutturazione, l’antica torre è stata aperta al pubblico: la si raggiunge percorrendo la ripida gradinata che, dalla piazza antistante la Chiesa della SS. Annunziata, serpeggia tra le case del borgo, tutte realizzate nel caratteristico tufo grigio sorrentino. La veduta che si gode dal castello è tra le più suggestive della Penisola Sorrentina: in un colpo d’occhio si ammira il Golfo di Napoli, le colline del Deserto, delle Tore e l’isola di Capri che quasi si tocca con mano.

La Chiesa dell’Annunziata, nella piazzetta del piccolo borgo, fu cattedrale fino al 1465, quando la sede episcopale fu definitivamente trasferita nella chiesa di Santa Maria della Grazie a Massa Centro, dove rimase fino alla soppressione definitiva della diocesi lubrense nel 1801; l’annesso Conservatorio è oggi un convento dei Frati Minimi di San Francesco di Paola.

Poco distante, Torre Turbolo (eretta tra il 1607 e il 1614 come sede del Monte dei Pegni) e il più recente belvedere, attrezzato con bacheche, panchine, aiuole e un gazebo. Il belvedere dell’Annunziata è il punto panoramico per eccellenza per ammirare Capri e la costa Massese.

Più a valle, dove termina la rotabile, la settecentesca Villa Murat (o Villa Rossi), da cui nel 1808 il Re di Napoli Gioacchino Murat, ospitato dal letterato Andrea Rossi, diresse l’assedio contro gli inglesi per la riconquista di Capri. Sempre in una stanza della stessa villa Gioacchino Murat firmò la capitolazione dell’isola.

Del castello (XIV-XVII secolo) oggi sono note la torre cilindrica e il bastione/cisterna troncopiramidale che dominano la collina. Sono leggibili almeno altri quattro bastioni che, unitamente alla “muraglia”, cingevano la trecentesca Città di Massa. Fu ricostruito nell’assetto attuale dopo l’invasione dei Turchi del 1558.

I Massesi non contenti di aversi erette le Torri, le quali formavano una ritirata pronta che i cittadini di ciascun Casale potevano avere in caso di uno sbarco di Turchi su la costa, essi si fabbricarono quella bella Città di Santa Maria, la quale era sicurissima, mentre all’epoca non vi era ancora il cannone.

Ma per fatale disgrazia di questa Città si risvegliò una guerra tra Ferdinando I d’Aragona Re di Napoli e Giovanni d’Angiò francese nell’anno 1459; allora Castellamare, Vico e Massa si ribellarono contro il loro legittimo Sovrano e si diedero in mano de’ Francesi.

Questa guerra durò quasi due anni, ma nella fine il Re di Napoli cominciò a ricuperare le Città e le terre del Regno ribellate, di cui avevano preso possesso gli Angioini.

Ma la Città di Massa non volle sottomettersi al suo legittimo Sovrano, fidandosi al suo Castello che era molto forte e difficile da espugnarsi per la sua altezza; difatti sostenne l’assedio per lo spazio di due anni e si arrese solo perché gli mancò l’acqua e le provvisioni da bocca.

Pontano dice che il re Ferrante nella fine dell’anno 1464 aveva già ricuperato tutto il Regno e nello spazio di circa cinque anni, mentre girava per le Provincie onde organizzarle, lasciò la Regina Isabella sua moglie alla testa del Governo, perché era una donna molto savia, prudente, benigna e liberale, questa Regina a’ 20 di Settembre del 1465 emanò un indulto generale a tutti i cittadini di Massa e gli concesse ancora alcune grazie. Ma poi essendo ritornato il Re vittorioso, per tema che la piccola e forte Città di Massa Lubrense in altra circostanza non si fosse di nuovo ribellata, fece intimare a tutti i cittadini di sortire dalla Città con tutti i loro effetti e senza replica: né valsero sottomissioni e preghiere, tutti indistintamente furono costretti di abbandonare piangendo i patrii lari e cercare ricovero altrove.

Il Vescovo trasportò gli arredi sacri nella Chiesa della Lobra, ove fissò la sua dimora; il Governatore occupò l’antico palazzo della Regina Giovanna a Quarazzano; ed il resto de’ cittadini si dispersero per i Casali, ma i più ricchi abbandonarono per sempre la loro infelice patria e questa fu una rovina incalcolabile per Massa; mentre perdé in un punto i proprietarii delle terre, il commercio, e si vide sempre più esposta ad un invasione per parte del mare.

Abbandonata la Città di Santa Maria, questa fu intieramente demolita e ciò avvenne non senza pianto di tutta questa costiera: i Casali allora si ingrandirono di più.

(da Storia di Massa Lubrense di Gennaro Maldacea – 1840 – ristampa 1999

Per la prima volta verrà presentata la lettura bioenergetica del Borgo dell’Annunziata a cura dell’Arch. Graziana Santamaria


Search in the website

Ottobre 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
30 Settembre 2019 1 Ottobre 2019 2 Ottobre 2019 3 Ottobre 2019 4 Ottobre 2019 5 Ottobre 2019 6 Ottobre 2019
7 Ottobre 2019 8 Ottobre 2019 9 Ottobre 2019 10 Ottobre 2019 11 Ottobre 2019 12 Ottobre 2019 13 Ottobre 2019
14 Ottobre 2019 15 Ottobre 2019 16 Ottobre 2019 17 Ottobre 2019 18 Ottobre 2019 19 Ottobre 2019 20 Ottobre 2019
21 Ottobre 2019 22 Ottobre 2019 23 Ottobre 2019 24 Ottobre 2019 25 Ottobre 2019 26 Ottobre 2019 27 Ottobre 2019
28 Ottobre 2019 29 Ottobre 2019 30 Ottobre 2019 31 Ottobre 2019 1 Novembre 2019 2 Novembre 2019 3 Novembre 2019